martedì 14 giugno 2011

mask


mask


































Tutto ciò che è profondo ama la maschera, e le cose più profonde nutrono addirittura odio per quel che è immagine e somiglianza. Non è l'opposto il solo giusto travestimento in cui può incedere il pudore di un dio? (Friedrich Wilhelm Nietzsche)

@ photo by Marija Strajnic

7 commenti:

  1. I falsi amano le maschere.
    I puri non le usano e si mostrano per ciò che sono,
    piacendo o meno agli altri.

    N.

    RispondiElimina
  2. Quando non siamo al riparo, abbiamo deciso di non esserlo.
    Siamo fragili, volubili e in buona fede, denudiamo anche l'anima quando "pensiamo" di aver trovato qualcuno/qualcosa di importante.
    Certe volte pensiamo di trovare in altre persone noi stessi... ma non sempre ciò che vediamo ne è il riflesso integrale. Capita che sia solo l'illussione di ciò che il nostro cuore spera di trovare, è come plasmare un altro individuo a nostra immagine,
    desiderio irrefrenabile di trovare noi stessi altrove.
    E si, questo è rischioso... perchè la consapevolezza di essere unici, prima o poi, arriva come un proiettile sparato al centro del petto...
    ed improvvisamente il dolore...

    buon sabato M.

    RispondiElimina
  3. Buon pomeriggio, Black:-)
    Per molte persone indossare una maschera vuol dire esattamente questo, come citato con efficacia, mentre per altri le maschere sono il velo non sempre necessario che si pone tra noi e gli altri, tra noi e l'esterno. Togliere la maschera vorrebbe dire essere nudi difronte al mondo. Quindi dico che occorre che i 7 veli (qui mi riferivo ad una donna) restino ognuno al proprio posto:-) e tenere per se cio' che riteniamo prezioso, ma condivedere con gli altri la superficie:-) Speriamo di essermi espressa in modo da farti capire il mio personale e piccolo punto di vista.

    Ti abbraccio e grazie per i tuoi passaggi, che lasciano sempre e un segno tangibile... è un po' quella "meravigliosa superficie" che ci concediamo...:-))

    *A*

    RispondiElimina
  4. parlalafrancese21 giugno 2011 04:40

    qui siamo maschere.
    anche se ci spertichiamo a dire che non sono maschere.
    la realtà dei fatti va ben oltre questo schermo.

    RispondiElimina
  5. Salvo poi morire malamente, come il filosofo *

    RispondiElimina
  6. parolesenzasuono18 luglio 2011 05:43

    ci sono pratiche sciamaniche che utilizzano la maschera per rappresentare il proprio sè de-condizionato, de-strutturato...

    bel post, in effetti Nietzsche è anche visto come un neo-sciamano...


    RispondiElimina