mercoledì 29 giugno 2011

a forest...


1






















































Fresca profonda verde foresta. La luce vi è mite, delicatissima, il cielo pare infinitamente lontano; è deliziosa la freschezza dell'aria; in fondo al burrone canta il torrente; sotto le felci canta il ruscello ... Si ascende sempre, fra il silenzio, fra la boscaglia fitta, per un'ampia via ... Tacciono le voci umane ... Non v'è che questa foresta, immensa, sconfinata: solo quest'alta vegetazione esiste. Siamo lontani per centinaia di miglia dall'abitato: forse il mondo è morto dietro di noi.

Matilde Serao

@ photo Rodney Smith

13 commenti:

  1. ..questi sono i luoghi che più amo, non solo per quella visione leggera, impalpabile, deliziosa, ma perchè sanno accarezzarmi e farmi brillare gli occhi, accompagnandomi in spazi ampissimi, in campi sconfinati e in cieli liberi.

    "Io proprio non sono predisposta a camminare" - diceva qualcuno:-)))

    Le tue scelte sono sempre più che belle. E la fotografia mi è particolarmente cara:-)


    RispondiElimina
  2. leggere e vedere fotogrammi. per l'atmosfera, poi, aprire il cuore.

    RispondiElimina
  3. Siamo lontani per centinaia di miglia dall'abitato: forse il mondo è morto dietro di noi.

    mi da emozioni questa frase!! forse vorrei solo poter affermare la stessa cosa. adesso. in questo preciso istante.

    RispondiElimina
  4. Oh, che frase meravigliosa. *__* Io a volte riesco allibita e commossa davanti alla capacità che hanno certe persone di rendere reale quello che a me resta solo in un angolino sperduto della mente.

    Bonsoir, ti ho perso di vista (figurato) per un po'...  come stai?

    RispondiElimina
  5. parlalafrancese1 luglio 2011 03:44

    a volte mi ci sento.
    e ne resto av_volta

    RispondiElimina
  6. SinuoSaStrega1 luglio 2011 15:29

    Mi piace la cura con cui scegli le immagini, non sono mai casuali. Denotano buon gusto. Ciao :)

    RispondiElimina
  7. In questo preciso momento... profondamente abbattutta. E' finito il mio weekend lampo in Toscana/Lazio e sto cercando di tirare in là l'orario per andare a letto e prolungare così il momento in cui dovrò andare al lavoro.
    La cosa stupefacente è che uno può lavorare da dieci anni, come da dieci giorni, ma il lunedì... è il lunedì per tutti... soprattutto quando ti senti che sarà un lunedì di merda.

    breaking bad? eh eh... grande serie tv. Tra l'altro, a breve dovranno trasmettere la terza serie.

    gli stivali sono tra le calzature che preferisco e da qualche parte c'è Destino il mio futuro gatto... credo non sia ancora nato, però. Sta aspettandomi... lo so...

    mah... noto ora... che hai messo come titolo al post lo stesso titolo di una canzone dei Cure che io per altro adoro... come adoro tutta la loro discografia... ^^

    tu come stai?

    RispondiElimina
  8. Il pezzo che mi hai linkato è meraviglioso... *__*
    con ritmi così come si fa a stare fermi?! Impossibile. ^^ La cosa bella è vedere una accanto all'altra, diverse generazioni che ballano. Credo che la bellezza della musica popolare stia proprio in questo. Trascende i gusti personali e i confini regionali, perché parla all'anima e alla terra.

    Non tocchiamo il tasto cucina. Per me, visitare posti nuovi, significa soprattutto sedermi a tavola. E più il ristorante sa di locale, intimo e nostrano, più sono contenta. ^^
    E l'olio... che olio meraviglioso che hanno. Una bruschettina e un filo d'olio ed ero la persona più felice del mondo.

    gli album introspettivi/davk vanno bene per tutti i momenti: sereni, tristi, allegri...; sono come un vestito nero - sta bene su tutto

    17 seconds è un grande album (è uno degli album che rappresenta meglio l'anima dei Cure); io adoro Pornography e Disintegration. Ma, nel complesso, tutta la discografia dei Cure mi piace... persino un flop come wild Mood Swings :)
    spero di riuscire a vederli dal vivo, prima o poi (e spero proprio che Smith non faccia come Reznor e i suoi NIN... che un paio di anni fa hanno detto "Okey, ragazzi! Questo è l'ultimo tour dei Nin).
    Trent sei perfido. Sappilo!

    Degli Anathema non ho ascoltato moltissimo (quasi nulla) però adoro questa canzone qui (http://www.youtube.com/watch?v=C4x1Mq-NFFc); tutta la parte strumentale che si ha prima che lui inizi a cantare è meravigliosa.

    RispondiElimina
  9. mah, sai... Paragonata ad altre regioni ha meno attrattive turistiche.
    Poi, se si parla di cucina, quella lombarda è una cucina povera; i piatti tipici erano quelli che si cucinavano in famiglia con ciò che c'era a casa.
    Poi, scendendo nel particolare, quella brianzola è proprio senza pretese. Il gorgonzola lo mettiamo dappertutto; polenta, cassoeula e busecca sono di casa d'inverno; quando hai in casa il pane raffermo fai il pancotto; e ogni bambino che si rispetti (per lo meno quelli della mia generazione) faceva merenda con la rossumada (uovo sbattuto con zucchero e marsala)... etc... etc...
    sembro una del Gambero Rosso.

    Concordo con te per quanto riguarda l'apice ispirativo delle band; molte band si perdono via dopo i primi album, altre riescono sempre a stupire; gli anni che passano però si vedono. E passati i trenta o i quaranta anni, non so... è come se vedessero il mondo in un modo meno puro e spontaneo.
    Pj Harvey è una grande artista. Ha una voce che io adoro e fa della musica superlativa. Non posso dire di essere una sua fan, ma è una di quegli artisti che non mi dispiacerebbe affatto vedere dal vivo.

    Io adoro i Joy Division *__* La loro musica, per me, è diversa da tutte le altre. La sento proprio mia. Come quando ascolti qualcosa è pensi "Ecco! Era proprio te che cercavo... Per tutto questo tempo."
    A Fano non c'ero e non sapevo neppure che avesse suonato Peter Hook. O___o (che donna informata)
    Quest'anno, cmq, lo fanno a Rimini. Ci sono alcuni gruppi come i Clock DVA o i DAF che non mi dispiacerebbe vedere dal vivo.

    RispondiElimina
  10. Il potere delle parole,

    dipingere con esse,

    per poi scaraventare i sensi nei tuoi dipinti.


    Emozioni.


    RispondiElimina
  11. Raffinate immagini scelte con cura accompagnano i brani letterari in questo blog.
    Essendo appassionata di fotografia, lo apprezzo particolarmente.
    Ciao!

    RispondiElimina
  12. Interessante e raffinato accostamento tra parole, pensieri e immagini nel tuo blog.Questa in particolare trasmette una bella emozione appena si entra qui.

    Ripasserò... Ciao!

    RispondiElimina
  13. la foresta si che sarebbe un posto in cui rifuggiarsi...soprattutto con questo caldo!

    RispondiElimina